Cosa è una terapia canalare?

Nonostante la terapia canalare sia una delle procedure più comuni e frequenti all’interno di una studio dentistico e numerosi pazienti sono già stati sottoposti ad essa, si sa molto poco sul suo funzionamento e la sua importanza per riabilitare uno o più denti compromessi.

Definizione

Un terapia canalare è una procedura dentale che prevede la rimozione del centro molle del dente, la polpa. La polpa è composta da nervi, tessuto connettivo e vasi sanguigni che aiutano il dente a crescere.

Quando è necessario una terapia canalare?

Una terapia canalare viene eseguita quando la parte interna morbida di un dente è danneggiata o si infiamma o si infetta.

La corona del dente, la parte esterna, può rimanere intatta anche se al suo interno la polpa è morta. Rimuovere la polpa danneggiata o infetta è il modo migliore per preservare la struttura del dente.

Le cause più comuni di danno alla polpa includono:

– decadimento profondo a causa di carie non trattata;

– dente compromesso da più interventi odontoiatrici;

– una scheggiatura o una crepa nel dente;

– una lesione al dente data da un urto (la polpa del dente può comunque essere danneggiata anche il dente non viene rotto);

Quali sono alcuni sintomi che indicano che potrebbe essere necessario un trattamento canalare?

In alcuni casi, una persona potrebbe non accorgersi di avere un dente infetto, tuttavia, la maggior parte delle persone notano alcuni sintomi quali:

1. Dolore persistente ai denti: sono molte le problematiche che possono causare dolore ai denti. Se però il dolore è in profondità nel tuo dente e permane per giorni è bene rivolgersi al proprio dentistica di fiducia per capire quale è la situazione e se nel caso ci fosse bisogno di intervenire con una terapia canalare, il dolore potrebbe irradiarsi anche alla mascella, al viso o ad altri denti;

2. Sensibilità al caldo e al freddo: se il dente fa male a contatto di cibi o bevande calde e/o fredde (es. caffè caldo o gelato), e il dolore persiste per più di pochi secondi potrebbe indicare un’infiammazione o infezione in atto;

3. Gengive gonfie: quando un dente è infetto, il pus può accumularsi nell’area gengivale. Questo può portare a gengive gonfie;

4. Bolle sulle gengive: Il pus del dente infetto può defluire in una bollicina sulle gengive, causando un sapore o un odore sgradevole;

5. Mascella gonfia: a volte il pus non drena dal sito. Di conseguenza, la mascella potrebbe diventare visibilmente gonfia;

6. Scolorimento dei denti: quando la polpa di un dente si infetta, può far sembrare il dente più scuro. Ciò si verifica a causa dello scarso apporto di sangue al dente;

7. Dolore quando viene applicata la pressione: se si sente dolore quando si mangia o si tocca il dente, potrebbe significare che i nervi intorno alla polpa sono danneggiati;

8. Un dente scheggiato o rotto: se un elemento dentale risulta rotto o scheggiato a seguito di in un incidente, ad esempio facendo sport o anche mordendo qualcosa di duro, i batteri possono filtrare nelle crepe del dente ed arrivare fino alla polpa infettandola;

9. Dente mobile: un dente infetto può risultare mobile. Questo perché il pus della polpa infetta può aggredire l’osso che sostiene il dente, rendendolo più morbido, compromettendo così al stabilità del dente stesso.

Come devo prepararmi per il trattamento canalare?

Prima di iniziare la tua terapia canalare, il tuo dentista può rispondere a qualsiasi domanda tu abbia sulla procedura. Ecco alcune cose che puoi fare per prepararti al trattamento:

1. Prendi tutti i farmaci come prescritto: potresti ricevere antibiotici o farmaci antinfiammatori alcuni giorni prima dell’appuntamento, soprattutto se sono presenti molte infezioni;

2. Non fumare: i prodotti del tabacco interferiscono con la capacità del tuo corpo di guarire se stesso. Evita di fumare diversi giorni prima dell’appuntamento e smetti del tutto se puoi;

3. Mangia un pasto sano: poiché l’anestesia locale utilizzata durante la terapia canalare rende la bocca insensibile per alcune ore, è una buona idea mangiare prima dell’appuntamento.

Come viene eseguita una terapia canalare?

Una terapia canalare viene eseguita in uno studio dentistico ad opera di un dentista generico o una specialista in endodonzia, ecco i passaggi:

1. Anestesia: in primo luogo, viene somministrata un’anestesia locale per intorpidire il dente infetto e le gengive circostanti. Il paziente rimane sveglio durante la procedura, ma l’anestetico impedirà di provare dolore.

Il medico può raccomandare la sedazione se si soffre di ansia dentale.

2. Posizionamento di dighe dentali: Prima di iniziare il trattamento, viene posizionata una piccola diga di gomma sull’area. Questo isola il dente da trattare e lo mantiene asciutto durante la procedura.

3. Foro di accesso: Quando il tuo dente è insensibile, viene praticata una piccola apertura nella corona del dente per accedere alla polpa attraverso l’utilizzo di appositi strumenti endodontici;

4. Rimozione della polpa: utilizzando strumenti speciali chiamati “file” l’endodonzista procede a rimuovere i nervi, i vasi sanguigni e i tessuti all’interno del dente stando particolarmente attento/a a pulire tutti i percorsi (canali) nel tuo dente.

5. Modellare, riempire e sigillare i canali: una volta rimossa la polpa, la camera pulpare e i canali radicolari vengono puliti, disinfettati e modellati. I canali vuoti vengono quindi riempiti con un materiale dentale flessibile e gommoso chiamato guttaperca, infine viene posizionata un’otturazione dentale temporanea per sigillare il dente e impedire ai batteri di rientrare.

6. Posizionamento del restauro finale: in diversi casi, ci sarà bisogno di una nuova corona dentale per proteggere il dente trattato e ripristinare il corretto morso. Le corone sono realizzate su misura in porcellana o oro Quando la corona è pronta, l’otturazione temporanea viene rimossa e viene posizionata la corona permanente.

7. Follow-up dopo il trattamento canalare

Anche se non dovresti avere un dolore significativo dopo una terapia canalare, potresti notare sensibilità per i primi giorni. Questi sintomi sono normali e possono essere gestiti con successo con farmaci antidolorifici da prescrizione o da banco. Nella maggior parte dei casi, gli effetti collaterali diminuiscono entro una o due settimane.  In alcuni casi vengono prescritti antibiotici per via orale.

Il paziente può riprendere la sua normale routine il giorno già dal giorno dopo la procedura stando attento/a ad evitare di masticare con il dente trattato fino a quando non verrà terminato l trattamento con un’otturazione permanente o con il posizionamento di una corona.

A distanza di pochi giorni verrà fissata una nuova visita nella quale il dentista effettuerà una radiografia per assicurarsi che qualsiasi infezione sia scomparsa. In quell’occasione verrà sostituita anche l’otturazione temporanea con un’otturazione permanente o con una protesi (corona) provvisoria o definitiva.

Potrebbero essere necessarie diverse settimane per abituarsi a come si sente il dente dopo la procedura. Questo è normale e non dovrebbe preoccupare. E’ consigliabile chiamare il proprio dentista se il dolore diventa estremo o dura per più di qualche giorno.

Cosa succede dopo una terapia canalare?

Una terapia canalare è considerata una procedura di restauro. La maggior parte delle persone che si sottopongono alla procedura sono in grado di godere dei risultati positivi per il resto della loro vita. Tuttavia, la durata dei risultati dipende dal modo in cui ti prendi cura dei tuoi denti.

Proprio come il resto dei denti, la durata di un trattamento canalare dipende dalle buone abitudini di igiene orale, anche il tuo dente trattato richiede una regolare spazzolatura e uso del filo interdentale.

La terapia canalare fa male?

Molte persone hanno paura di avere dolore ai denti dopo la terapia canalare. Tuttavia, poiché la fonte dell’infezione viene rimossa durante la procedura, la maggior parte delle persone trova un sollievo immediato dopo il trattamento. Se avverti dolore lancinante dopo un canale radicolare, chiama immediatamente il tuo dentista.

Quanto costa un canale radicolare?

Il costo varia a seconda della complessità del problema e del dente interessato, ad esempio i molari sono più difficili da trattare.

Salvare il dente naturale con il trattamento canalare ha molti vantaggi, quali:

1. Masticazione efficiente;

2. Forza e sensazione morso normale;

3. Aspetto naturale;

4. Protezione degli altri denti dall’eccessiva usura o sollecitazione.

Se volete avere maggiori informazioni riguardo ai trattamenti che offriamo potete visitare la sezione: ENDODONZIA

Per maggiori informazioni puoi contattarci ai seguenti indirizzi:

Mail: info@studiodentisticogambardella.it

WhatsApp: 329 708 2938 - Telefono: 035 297791

Articolo correlato

Ti potrebbe interessare
anche questo articolo

Come funzionano gli allineatori dentali

Gli allineatori trasparenti sono una delle alternative più popolari tra gli apparecchi dentali invisibili mobili: oggi scopriamo il loro funzionamento. Cosa Sono gli allineatori dentali? Gli allineatori trasparenti sono degli […]

Leggi tutto

Nuovo Paziente?

Scopri se siamo lo studio che fa per te!

Rispondi a queste domande e scopri se siamo il tuo Studio Dentistico ideale: indica quanto sono importanti per te le seguenti caratteristiche: vota da 1 (poco) a 5 (molto)

CLICCA QUI